Vamos botar em OT este assunto, falou?

Mais elementos sobre o tema:

"Reporteros Sin Fronteras" (RSF) recibe dinero para "satanizar" el uso
de Internet en Cuba. 

Su presidente Robert Menard y compañía han recibido casi un cuarto de
millón de dólares del "Center for a Free Cuba" (CFC), subvencionado por
el Departamento de Estado y la CIA, para calumniar a la Isla en diversos
temas, entre ellos el del acceso de los cubanos a las nuevas
tecnologías. 

por Amaury E. del Valle

en "Rebelión"

11/11/2006  

Recientemente, "Reporteros Sin Fronteras" (RSF) ha vuelto a armar otro
de sus típicos carnavales mediáticos, esta vez con el tema de la
"censura a Internet", del cual han publicado una lista de países
"malditos", entre los que por supuesto no falta Cuba. 

Más allá de inexactitudes, imprecisiones, medias verdades o clásicas
mentiras en su informe sobre el uso de la red de redes en Cuba, y su
consabida acusación sobre el control que ejerce el gobierno sobre ella,
RSF no menciona por ninguna parte la existencia de un bloqueo
norteamericano que impide que los cubanos tengan acceso a la fibra
óptica internacional.

Tampoco habla de que Cuba solo tuvo acceso a la red en 1996, cuando las
administraciones norteamericanas "permitieron" conectarse a un satélite,
para sí utilizar Internet en aras de promover la subversión interna.

Desde entonces la Casa Blanca ha brindado jugosos aportes monetarios
para la creación y mantenimiento de una serie de sitios web que exhortan
a la subversión interna en Cuba y llaman a ejecutar acciones
terroristas, e incluso se vanaglorian públicamente de estas violando las
más elementales leyes, entre ellas la propia legislación
norteamericana. 

El dinero que reciben estas organizaciones para mantener una "imagen
negativa de Cuba" en el ciberespacio es tan cuantioso, que incluso les
ha permitido "comprar" voceros en otras partes del mundo.

Quizás en ese sentido el caso más típico sea el de "Reporteros Sin
Fronteras" (RSF), que desde el 2002 ha recibido del "Center for a Free
Cuba" (CFC) cuantiosas sumas para que calumnie a la Revolución en
diversos tópicos, entre otros la famosa "libertad de Internet".

Estas subvenciones escondidas, que fueron descubiertas por la "Red
Voltaire" y confirmadas por RSF ante la evidencia palpable, en el 2002
ascendieron a 24 970 USD, ya en el 2003 se multiplicaron por más del
doble, y el año pasado alcanzaron la cifra de 92 330 USD.

Por supuesto, el monto de las "donaciones" es lo suficientemente jugoso
para que Robert Menard no tengan reparos en desvariar contra Cuba y su
supuesta "represión a Internet", desconociendo que el país en más de una
ocasión ha sido reconocido por organismos internacionales como un
ejemplo de "desarrollo social" de la informática.

Lo más curioso de esta situación es que el CFC está dando a Reporteros
Sin Fronteras un dinero que no es suyo.

Los cientos de miles de dólares en su mayoría proviene de donativos de
la USAID, una agencia oficial del gobierno norteamericano, por lo cual
el "Center For a Free Cuba" (CFC) en la práctica actúa como un puente
monetario entre la Casa Blanca y Menard.

Además, la USAID ("United States Agency for International Development")
y compañía no solo financian a RSF, sino también a una serie de sitios
web y supuestas agencias de prensa satélites de ellos, que estimulan el
terrorismo contra Cuba.

Entre ellas está "Cubanet", la "niña predilecta" de la administración
Bush y la "Fundación Nacional Cubano-Americana". Este sitio, fundada en
1994 con 98 000 USD, actualmente recibe unos dos millones de dólares al
año a través de la "Agencia para el Desarrollo Internacional de los
EE.UU." (USAID), la NED ("National Endowment for Democracy") y otros
donantes, y recientemente el Plan Bush ha consignado fondos especiales
para este sitio u otros del mismo corte.

Otro ejemplo palpable de agresión cibernética es la existencia de
"Cubaonline", fundada en agosto del año 2000 con 300 000 USD donados por
la USAID, la cual apenas un año después le otorgó otros 500 000 dólares
y ha mantenido sus contribuciones crecientes, con las cuales financia
una extensa red mercenaria de colaboradores.

Además están otras múltiples páginas web y diferentes sitios, entre los
que se cuenta el "International Media Center" (Universidad de la
Florida), fundado en febrero de 1999 con 292 000 USD donados por la
USAID; o las autotituladas "Cubaencuentro", "La Nueva Cuba", "La Voz de
Cuba Libre", "Nueva Prensa Cubana", "Cubanos Org" y otros.

Claro, nada de esto aparece en el informe de RSF, que también "olvida"
hablar de la cantidad de sitios que los servidores norteamericanos han
bloqueado o simplemente les han aumentado los costos de mantenimiento,
para callarlos, por el solo hecho de disentir de su política
"antiterrorista".

Por supuesto, RSF no quiere problemas y si muchas risas y
agradecimientos del gobierno norteamericano, la gallina de los huevos de
oro, que a través de uno de sus recaderos ("Center For a Free Cuba"),
desde el 2001 le ha dado casi un cuarto de millón de dólares por
enfangar a la verdadera Cuba, y se desconoce cuánto les ha "donado" este
año.

Ahí está la verdadera razón del por qué RSF "sataniza" el uso de
Internet en Cuba.

http://www.rebelion.org/noticia.php?id=41074


em Italiano:

RSF (Reporters sans frontieres), la famosa agenzia giornalistica di
Robert Menard & Soci che sostiene di promuovere e difendere la libertà
di stampa, ha recentemente stilato la lista nera dei Paesi definiti
"nemici di Internet" in cui, com’era prevedibile, Cuba non poteva certo
mancare.

Va però osservato che questi grandi comunicatori sono regolarmente
retribuiti dall’USAID (United States Agency for International
Development), organismo del Dipartimento di Stato di Washington con cui
gli Stati Uniti concedono i finanziamenti ai Paesi in via di sviluppo,
attraverso l'intermediazione del CFC (Center for a Free Cuba).

Inoltre, mediante il NED (National Endowment for Democracy), altro
organismo che a sua volta dipende dal Congresso degli Stati Uniti e che
è incaricato di promuovere la politica estera statunitense, sono
finanziati una serie di siti web e presunte agenzie di stampa satelliti
di RSF, responsabili di continue aggressioni contro Cuba, purtroppo non
solo mediatiche.

RSF costituisce, perciò, un magistrale esempio d'informazione a comando.
Il pensiero di tali professionisti della disinformazione è indubbiamente
ispirato dalla regola aurea coniata dall’indiscusso talento
propagandista del Terzo Reich, Paul Joseph Goebbels: "Una bugia ripetuta
mille volte si converte in una verità".

Alla Casa Bianca, perennemente afflitta dalla sindrome ossessiva
anticubana, la menzogna è una componente organica del potere egemonico
degli USA per fabbricare il consenso, come ampiamente dimostrato ad
esempio con l’invasione dell’Iraq alla ricerca delle famose armi di
distruzione di massa, mai rinvenute.

Gli Stati Uniti, infatti, hanno bisogno di orientare opportunamente
l'opinione pubblica interna e dei loro alleati internazionali con
apposite campagne mediatiche planetarie disinformative, propedeutiche
alle loro guerre preventive, invocando poi la lotta al terrorismo o al
narcotraffico e l’esportazione della democrazia.

La limitazione alla diffusione di Internet a Cuba va invece
necessariamente posta in relazione al cinico e genocida bloqueo, il
blocco economico, commerciale e finanziario cui è sottoposta dalla
superpotenza egemonica da ben 46 anni, il più lungo della Storia anche
quest’anno puntualmente condannato (l’8 di novembre 2006, per la 15a
volta consecutiva) dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, in
quanto extraterritoriale ed illegale secondo il Diritto internazionale e
la stessa Carta dell’ONU (questa volta con la maggioranza record di 183
Paesi).

La realtà è che Cuba, come Paese, ha accesso ad Internet dal 1996 e solo
via satellite. La connessione via cavo è invece più rapida, di miglior
qualità e tra il 15 e il 25% più economica che via satellite. Nel 2005
Cuba ha, infatti, pagato più di 4 milioni di dollari per poter accedere
a Internet via satellite, secondo quanto riportato dal Ministero
dell’Informatica e delle Comunicazioni di Cuba (MIC).

Oggi, dopo 10 anni, in conseguenza del suddetto bloqueo USA Cuba non ha
ancora ottenuto accesso ai cavi di fibre ottiche che passano proprio
vicino alle sue coste. Ogni volta che Cuba voglia aggiungere un nuovo
canale ad Internet, la controparte statunitense deve ottenere la licenza
appropriata dal Dipartimento del Tesoro USA. Parimenti, se una compagnia
nordamericana volesse aprire un nuovo canale a Cuba o decida di
aumentare la velocità della connessione, ugualmente deve farsi
rilasciare un’apposita licenza dal Dipartimento del Tesoro USA.

Ne consegue che l’autorizzazione dell’ampiezza di banda via satellite di
cui dispone è di soli 65 Megabyte al secondo (MB/s) in uscita e 124 MB/s
in entrata, vale a dire inferiore a quello di molte aziende e persino di
alcuni utenti privati con connessioni a fibre ottiche ad alta velocità
(ADSL) in altri Paesi (in Australia, Bangladesh, Regno Unito, Italia o
negli Stati Uniti, ad esempio, una persona può accedere all’alta
velocità con un servizio ADSL e con la possibilità di download fino a 24
MB al secondo e in Norvegia o in Giappone si superano persino i 100 MB).

Ciò, ovviamente, non è sufficiente per le necessità di sviluppo di Cuba.
I suoi costi d’acceso ad Internet sono inoltre molto più elevati.
Peraltro, la stessa telefonia non era riuscita ad avanzare, sino a soli
pochi anni fa, verso la digitalizzazione e l’installazione di fibre
ottiche su tutto il territorio nazionale, e questo limite
infrastrutturale ha rappresentato un enorme ostacolo.

L’acquisto di hardware (come Intel, Hewlett Packard, IBM e Macintosh) e
software (es. la sola Microsoft, che con Windows domina oltre il 90% del
mercato dei sistemi operativi installati nei PC) a Cuba, sempre a causa
del bloqueo, non può avvenire direttamente dagli Stati Uniti, che sono
l’emporio mondiale della tecnologia informatica, e avviene perciò da
Paesi terzi, con maggiori costi di trasporto e rincari anche del 30%.
Oltre a ciò, gli Stati Uniti esercitano un controllo egemonico sui
server, di cui i principali del mondo si trovano proprio in territorio
statunitense.

Stanti tali limitazioni imposte dal bloqueo, la diffusione di Internet a
Cuba procede secondo un modello di appropriazione sociale delle
tecnologie informatiche e delle comunicazioni, cioè appunto seguendo
criteri di priorità sociale, privilegiando, ad es., la diffusione
dell'informazione medica (attraverso la rete di salute "Infomed"
appositamente dedicata ai medici cubani), i portali informativi per gli
intellettuali e gli artisti (Cubarte) la ricerca scientifica e
universitaria nei vari rami del sapere, della produzione e dei servizi.

Così, con gli scarsi mezzi economici e tecnologici di cui dispone, le
possibilità offerte da Internet e, in generale, dalle nuove tecnologie
sono messe a disposizione degli interessi vitali di tutta la popolazione
del Paese, non solo a chi è connesso in rete. Ciò, anzi, è stato
riconosciuto da istituzioni internazionali come un esempio positivo per
altri Paesi in via di sviluppo che vogliono superare il divario digitale
esistente con i Paesi ricchi.

D’altra parte, le legittime misure di sicurezza e controllo che esercita
il Governo cubano sull’uso di Internet sono dovute in primo luogo alla
recrudescenza del bloqueo da parte dell’Amministrazione Bush, che ha
creato una cosiddetta "Commissione per la transizione a Cuba",
designando un funzionario del Dipartimento di Stato quale "coordinatore"
di tale presunta transizione, che prevede l’elargizione di milioni di
dollari per la promozione della sovversione interna, oltre ad altre
disposizioni incluse in una clausola segreta che non sono state rese
pubbliche.

Tutte le scuole, anche quelle più remote di campagna (incluse quelle ove
non giunge la rete elettrica nazionale), sono dotate di computer, TV e
videoregistratori alimentati all'occorrenza da pannelli fotovoltaici
(come del resto anche i consultori medici di campagna, presenti
capillarmente ovunque). In ogni comune del Paese si può trovare un
"Joven Club de Computación" per le persone di qualsiasi età che vogliano
apprendere l'uso del computer e farne pratica.

Oggi a Cuba esistono oltre 1.370 domini registrati <.cu> e 2.500 circa
siti web, di cui 135 appartenenti ad organi di stampa, ci sono 940.000
utenti di posta elettronica e altri 219.000 di Internet, che vanno
moltiplicati per centinaia di migliaia tenendo conto del carattere
sociale che permette che uno stesso punto di connessione sia utilizzato
da varie persone.

Con circa 377.000 PC usati per scopi di pubblica utilità ed una
proporzione di 3,4 PC ogni 100 abitanti, si può affermare che oggi Cuba
sta estendendo la socializzazione delle nuove tecnologie
dell’informazione. La media aumenta però considerevolmente se si
considera che, in effetti, queste macchine si trovano in centri di
studio, culturali, industriali e sanitari, oltre che nelle banche e
negli uffici postali.

Il 100% dei centri d’insegnamento, per esempio, utilizza le nuove
tecnologie come appoggio ai programmi scolastici, assieme a televisori e
video, a vantaggio dei 2.230.658 studenti delle 12.784 scuole esistenti.
Tutti gli istituti di studio del paese impiegano computer nel processo
educativo, comprese 2.368 scuole rurali con pannelli solari
fotovoltaici, 93 delle quali hanno un numero d’iscritti pari ad un solo
alunno (uno!).

La domanda che dovrebbe allora porsi RSF è: ma se lo Stato cubano
volesse davvero impedire l’accesso ad Internet alla popolazione, perché
mai spenderebbe così ingenti risorse per curare la formazione
informatica?

Dalla nascita di Internet, gli Stati Uniti hanno bloccato Cuba
nell’utilizzo della rete informatica mondiale e contemporaneamente hanno
cominciato una feroce campagna accusando l’Isola di negare la libertà di
connessione.

La verità è che la sovranità di Cuba deve essere rispettata, i cubani
devono essere gli artefici del loro destino e non hanno alcun bisogno
delle pesanti ingerenze da parte della superpotenza egemonica.

Se il Governo degli Stati Uniti considera che Cuba, per giustificare il
suo presunto fallimento, invoca a pretesto il blocco economico,
commerciale e finanziario imposto nei suoi confronti, perché allora non
toglie ai cubani il pretesto, eliminando il bloqueo?

Aldo Garuti

*******************************************************************************************************

Alcuni riferimenti su RSF ed Internet a Cuba e principali fonti dei dati
riportati nell’articolo:

- Subsidios UE de 1.300.000 euros para cubrir a Robert Ménard (Reporters
sans frontieres):
http://www.granma.cu/espanol/2006/marzo/mar21/13menard.html

- Ménard (RSF) ricorre alle minacce:
http://www.granma.cu/italiano/2006/abril/mier19/17rsf.html

- Internet a Cuba: anno decimo:
http://www.granma.cu/italiano/2006/abril/jue27/internet.html

- Bloqueo de EE.UU. encarece acceso a Internet:
http://www.granma.cu/espanol/2006/junio/juev22/26internet.html

- Denunciato il blocco USA che impedisce l’accesso di Cuba ad internet:
http://www.granma.cu/italiano/2006/noviembre/mier8/bloqueo-it.html

- Cómo utiliza Cuba la Internet:
http://www.rebelion.org/noticia.php?id=40228

- Estados Unidos bloquea Internet en Cuba (1):
http://www.granma.cu/espanol/2006/noviembre/juev2/informatica-e.html

- Estados Unidos bloquea Internet en Cuba (2):
http://www.rebelion.org/noticia.php?id=40807


_______________________________________________
PSL-Brasil mailing list
PSL-Brasil@listas.softwarelivre.org
http://listas.softwarelivre.org/mailman/listinfo/psl-brasil
Regras da lista: 
http://twiki.softwarelivre.org/bin/view/PSLBrasil/RegrasDaListaPSLBrasil

Responder a