Mi e' arrivata questa...

ciao,
Clauz

---------- Forwarded message ----------
From: provinciawifi <no-re...@provinciawifi.it>
Date: 2011/9/8
Subject: Inaugurazione FreeItaliaWiFi


Cari Utenti di ProvinciaWiFi,
domani 9 settembre inaugureremo a Venezia il sistema integrato di
identificazione degli utenti delle reti che hanno aderito a Free
ItaliaWiFI.

Come già saprete, il 30 novembre scorso il presidente della Provincia
di Roma Nicola Zingaretti, l'assessore della Regione Sardegna Mario
Floris e l'assessore del Comune di Venezia Gianfranco Bettin, hanno
lanciato il progetto Free ItaliaWiFi per la collaborazione e il
sostegno al WiFi pubblico e libero nelle amministrazioni italiane.

Uno dei primi obiettivi delle tre amministrazioni promotrici del
progetto e delle molte altre che hanno via via aderito è stata la
realizzazione di un sistema di integrazione delle reti WiFi, tale da
permettere a tutti gli utenti registrati su una rete di avere accesso
anche alle altre reti federate con le stesse credenziali.
Questo è ciò che in questi mesi abbiamo costruito e che domani inaugureremo.

In pratica, significa che tutti voi utenti di provinciaWiFi quando
sarete a Venezia o in Sardegna (ma anche a Torino, Genova, e nelle
province di Grosseto, Prato e Gorizia per adesso) potrete navigare
gratuitamente sulle reti WiFi delle rispettive amministrazioni
utilizzando le stesse credenziali che usate in provinciaWiFi. L'unica
piccola modifica è che quando sarete "in trasferta" dovrete aggiungere
"@provinciawifi" al vostro username (tipicamente il numero di
cellulare), continuando comunque a usare la stessa password.
In sostanza quindi individuata la rete pubblica del luogo in cui
siete, se essa aderisce a Free ItaliaWiFi e quindi presenta il logo
nella pagina di autenticazione, utilizzate "username@provinciawifi"
come username e la stessa password che usate in ProvinciaWiFi.

Tutte le reti si impegnano a garantire agli utenti delle reti federate
almeno 300MB di traffico e/o due ore di navigazione giornaliere
gratuite (articolo 8 dei Principi della Federazione Free ItaliaWiFi).

Presto le reti wireless di molte altre città e amministrazioni saranno
integrate con Free ItaliaWiFi perché già hanno aderito al progetto e
stanno facendo i necessari passi amministrativi e tecnici per attivare
l'interconnessione.

Questo risultato, fortemente voluto dalla Provincia di Roma, che è
stata la promotrice originaria del progetto, è stato realizzato anche
grazie al supporto tecnico del Consorzio Interuniversitario Caspur
(www.caspur.it), che oltre ad essere il nostro partner tecnico per
ProvinciaWiFi gestirà anche il nodo di interscambio nazionale di Free
ItaliaWiFI.

Con la soddisfazione di realizzare questo progetto di federalismo
reale fra le amministrazioni italiane, proprio nel centocinquantenario
dell'Unità di Italia, in ultimo, voglio solo riportarvi i Principi
fondamentali che ispirano il progetto Free ItaliaWiFI

Principi fondamentali di "Free ItaliaWiFi"

Le pubbliche amministrazioni che si associano alla rete federata
nazionale del progetto “Free ItaliaWiFi” aderiscono ai seguenti
principi nella promozione e gestione delle reti WiFi:



1.    Gestione diretta e/o controllo della rete da parte delle
amministrazioni.
E’ consentita la partecipazione di privati nella gestione operativa
delle reti, ma - in ogni caso - per conto e secondo le indicazioni
delle amministrazioni o istituzioni pubbliche.



2.    Accesso aperto e senza discriminazioni a tutti i cittadini di
riferimento dell'amministrazione.
La possibilità di registrarsi ed usare la rete deve essere garantita a
tutti i cittadini dell’amministrazione promotrice.


3.    Gratuità dell'uso.
Fatta salva l'eventuale richiesta all'utente di un rimborso per le
spese di registrazione, comunque di trascurabile entità, l'uso della
rete deve essere gratuito.



4.    Carattere no profit della rete.
La rete WiFi non deve avere finalità di lucro e non può, quindi,
essere sfruttata commercialmente da alcuno, neanche con l’assenso
dell’amministrazione. Inoltre, i dati di utilizzo della rete e degli
utenti - se non gestiti direttamente dalle amministrazioni - devono
comunque essere gestiti per loro conto e non possono essere ceduti a
terzi né utilizzati per fini diversi da quelli previsti dalla gestione
della rete.



5.    Neutralità della rete.
Non devono essere effettuate restrizioni arbitrarie sull'accesso alla
rete Internet e ai suoi servizi né sui dispositivi utilizzabili dagli
utenti.


6.    Conformità alla legislazione italiana.
La gestione della rete deve essere svolta in conformità alla normativa
nazionale e territoriale vigente.


7.    Pubblicità del servizio.
Il servizio deve essere garantito e pubblicizzato anche mediante
l’adozione, da parte della pubblica amministrazione, di una carta dei
servizi WiFi offerti con l’indicazione delle eventuali limitazioni
nell’utilizzo, delle modalità di registrazione e dei riferimenti alle
informative ai sensi di legge.


8.    Garanzie nell'uso della rete per gli utenti “Free ItaliaWiFi”.
Ogni amministrazione garantisce il rispetto dei principi sopra
elencati anche per gli utenti registrati su altre reti federate a
“Free ItaliaWiFi”. Inoltre, a questi utenti, assicura pari livelli di
servizio garantendo - nel caso di limitazioni sul tempo o sul traffico
- i seguenti limiti minimi giornalieri: un minimo di due ore di
collegamento anche non continuativo; un minimo di traffico generato
(in download e upload) non inferiore a 300 MB.



Cordiali Saluti

Francesco Loriga
Responsabile ProvinciaWiFI
Dirigente del SIRIT - Sistemi Informativi, Reti
e Innovazione Tecnologica - Serv. IV
_______________________________________________
Wireless mailing list
Wireless@ml.ninux.org
http://ml.ninux.org/mailman/listinfo/wireless

Rispondere a