Premesso che:
- il 90% delle volte sono contrario ai fork;
- non conosco affatto le dinamiche ed il funzionamento della comunità
OpenWRT;
e tuttavia considerando che:
- il fork LEDE viene operato da alcuni tra i maggiori contributori di
OpenWRT;
- spesso ho avvertito la necessità di avere una distro per dispositivi
embedded non necessariamente rivolti al networking wireless;
penso che stavolta farò un'eccezione ed appoggerò questa iniziativa.
Soprattutto dopo aver letto i punti 2,3,4,5 del paragrafo [1] della
lettera di presentazione del progetto.
Da essi traspare il fatto che non vi sia una regolamentazione del
funzionamento della comunità OpenWRT, con tutto quel che comporta,
quando il gruppo delle persone coinvolte inizia a raggiungere certi numeri.
Facendo parte della comunità Fedora dove vi sono organi eletti e regole
di partecipazione ben delineate, non posso che apprezzare tentativi di
migliorare l'organizzazione di un progetto.  E dato che non si possono
forzare regole su progetto già avviato, penso che queste persone non
abbiano avuto altra scelta che operare un fork.

Correggetemi se sbaglio.
In ogni caso è deprecabile il comportamento di coloro che hanno
cancellato gli account e-mail @openwrt delle persone che hanno operato
il fork, a mò di damnatio memoriae.


[1]: http://pastebin.com/raw/1nrCqXHe

Attachment: signature.asc
Description: OpenPGP digital signature

_______________________________________________
Wireless mailing list
Wireless@ml.ninux.org
http://ml.ninux.org/mailman/listinfo/wireless

Rispondere a