Ciao Leonardo, come va ?

> l'ultimo meeting IRC e' stato un fallimento.
Sono mesi che non sto seguendo neanche piu' la lista e partecipando alle riunioni IRC.
   > Io ritengo lo strumento utile,...
Idem
>...ma dobbiamo capire perche' la gente vuole
> parteciparvi,...
Quando organizzi un Ninux Day la partecipazione e' garantita.
Bisognerebbe farli piu' spesso. Oltre a livello nazionale bisognerebbe creare anche qualcosa a livello regionale, provinciale etc. Piu' si restringe la zona e piu' si dovrebbe pensare a programmare incontri anche con cadenza settimanale. Che si parli di qualcosa che possa interessare piu' il singolo libero cittadino rispetto all'addetto ai lavori (es. connettivita' libera (intesa come servizio, non come unico e solo obiettivo individualista) a chi non puo' permettersela economicamente o a chi abita in zone geografiche dove l'operatore non vuole investire in copertura ad alta velocita', a chi possiede immobili rurali e vorrebbe videosorvergliarli senza dover acquistare abbonamenti internet costosi con WISP o operatori di telefonia cellulare. Creare un modello ibrido comunitario tra Ninux pura liberta' di comunicazione e l'ottica che possono avere progetti come Neco, NoiNet, Senza Limiti Senza Confini. Es. le famiglie di uno o piu' condomini o di uno stesso quartiere o contrada/zona periferica si costituiscono in associazione ed acquistano connettivita' internet all'ingrosso e la condividono come servizio in un contesto libero di rete e servizi che si ispira ai principi del modello Ninux. Appena torniamo dietro i ns computer e le ns connessioni ad Internet non riusciamo a lavorare insieme per portare avanti l'interesse della collettivita'. E' un paradosso che un sistema nato per favorire la collaborazione e partecipazione collettiva
a distanza possa generare un effetto esponenziale e opposto allo stesso.
> dobbiamo cominciare prima a costruire un odg in modo
> che si sappia di cosa parlare, in modo che interessi a qualcuno.

Dovremmo dividere il carico di lavoro da espletare in sezioni in modo che ognuno di noi in base alle proprie competenze, disponibilita' e interesse ad occuparsi di qualcosa possa dare il proprio contributo.

Es.

Formazione
Rete
Servizi
Comunita'

(ogni sezione a sua volta sara' suddivisa in altre sottosezioni etc.)

Ogni nodo dovrebbre creare copertura di Rete, sta storia dei link supernodo-nodo foglia non porta da nessuna parte. Bisogna valutare se linkare nodi master in WDS o attraverso Mikrotik sfruttare il metarouter per installarci dentro OpenWRT e avere l'ad-hoc, implementando 2 reti in esterno, una a 2.4 N e l'altra a 5 in AC.


Gli access point che teniamo dentro casa anche loro possono creare una Rete libera. Assodato che si possa installare OpenWRT all'interno (o derivati) dovremmo tenere 2 access point con antenne sostituibili : in uno con antenne da 15 dBi per il 2.4, in quello a 5 antenne da 13 dBi.

Valutare anche la possibilita' con il vicinato di utilizzare solo i canali 1 - 6 - 11 per quanto riguarda il 2.4 e linkarsi tutti insieme in WDS per eliminare il piu' possibile le interferenze.

Un computer dove poter installare un hypervisor e mettere all'interno OpenBSD per gestire la connettivita' e la sicurezza e FreeBSD per offrire Servizi a livello prestazionale.

Poter offrire all'interno della Rete connettivita' IPv6 nativa ove possibile o attraverso tunnel broker.

Per lo sviluppo di Servizi distribuiti potremmo utilizzare openframeworks.cc : lo stesso codice puo' essere compilato per funzionare su Windows, Mac, Linux, iOS e android.

Dal punto di vista Legislativo dovremmo far sentire la ns voce al Parlamento italiano chiedendo connettivita' simmetrica, accesso in IPv6 nativo con indirizzamento statico, net neutrality, accesso flat in mobilita' etc.

> Di che avete bisogno?

Poter sperimentare su un VPS o server dedicato in connettivita' IPv6.

> come possiamo aiutare?

Laddove per mancanza di tempo o di competenze avere qualcuno che possa accedere all'interno dei miei sistemi per implementare qualcosa o risolvere problematiche.

> come possiamo coordinarci?

Si e' detto che ognuno di noi e' libero di sperimentare come, quando, quanto e come vuole ma tutto cio' porta a far cose che interessano solo noi e non contribuiscono a portare avanti il Progetto Ninux in tutti i suoi aspetti.

- Ostentare l'utilizzo di dispositivi con scarse risorse per gestire la Rete e i Servizi (tp-link, raspberry e amenita' varie) : perdere tempo a lavorarci in modo da farci entrare e funzionare tutto (poca RAM, poco spazio, CPU lente) per poi avere prestazioni inadeguate.

- Utilizzo di pacchetti software e/o soluzioni per implementare la gestione di Rete e dei Servizi che utilizzano codice non compilato ottenendo un runtime non adatto per avere prestazioni accettabili.


Dobbiamo decidere tutti insieme una sola strada per ogni aspetto del progetto da portare avanti e seguire solo quella , altrimenti non andremo da nessuna parte.



_______________________________________________
Wireless mailing list
Wireless@ml.ninux.org
http://ml.ninux.org/mailman/listinfo/wireless

Rispondere a