Ciao, in aggiunta a quanto giustamente indicato da Alessandro, ti consiglio
di leggere questo mio articolo[0] sul catasto stradale. Vedrai che non
basta semplicemente spezzare le linee agli incroci per fare un grafo ma
occorre definire anche il tipo di incrocio. Feci un lavoro simile al tuo
qualche anno fa e proprio per evitare problemi non automatizzai nulla.

[0] http://massimilianomoraca.it/blog/catasto-delle-strade/

Il Dom 8 Apr 2018, 13:59 <a.furi...@lqt.it> ha scritto:

> On Sun, 8 Apr 2018 12:00:34 +0200, Lorenzo Luisi wrote:
> > Buongiorno a tutti,
> > dopo aver scaricato una porzione di tratto di grafo tipo OSM, ho
> > aggiornato, in QGIS 2.18, tutti i tratti secondo i toponimi presenti
> > su
> > Google Maps.
> > Pensavo fosse facile suddividere ogni tratto di grafo all'incrocio
> > con
> > altri tratti .....
> >
>
> Lorenzo,
>
> stai bene attento, perche' questa di tagliuzzare automaticamente
> tutti i presunti incroci e' una tecnica estremamente pericolosa
> che produce facilmente grafi stradali del tutto inaffidabili che
> non sono poi utilizzabili per supportare gli algoritmi di Routing
> (Shortest Path).
>
> esistono svariate situazioni (molto piu' diffuse di quanto possa
> sembrare a prima vista) in cui l'intersezione tra due strade e'
> una pura "illusione ottica", p.es.:
> - sovrappassi / sottopassi
> - cavalcavia
> - gallerie
>
> in tutte queste situazioni e' ovvio che non esiste nessun
> incrocio reale perche' le due strade sono poste a quote
> differenti.
> ma se il tuo simil-grafo di partenza non e' 3D non potrai
> mai stabilire con certezza se l'intersezione tra due
> strade puo' essere plausibilmente un incrocio oppure no.
>
> giusto per dire, circa una decina di anni fa una ditta
> fornitrice fece una clamorosa figuraccia con una propria
> fornitura dati ad una PA, proprio perche' avevano pensato
> bene di identificare automaticamente (ciecamente) tutte
> le intersezioni tra linee come incroci stradali.
>
> il risultato fu che durante il collaudo scoppiarono
> fragorose risate quando venne a galla che (secondo il
> grafo da loro prodotto) le auto potevano entrare ed
> uscire dall'autostrada balzando agilmente come gatti
> su e giu' da qualsiasi cavalcavia.
>
> l'ultima sghignazzata collettiva che  mise fine a tutta
> la  storia (respingimento definitivo del lavoro) avvenne
> quando usci' fuori un percorso "miracolossissimo" in cui
> le auto in transito lungo una galleria autostradale
> riuscivano a perforare magicamente qualche centinaio
> di metri di solida roccia per sbucare all'improvviso
> nella piazza principale del paese che sorge in cima
> alla collina attraversata dalla galleria.
>
> stringendo: se il tuo simil-grafo di partenza e' un
> semplice 2D devi mettere in conto una succesiva
> fase di collaudo e verifica abbastanza accurata
> almeno lungo tutte le autostrade/superstrade
> (dove e' piu' facile che ci siano cavalcavia e
> gallerie).
>
> ciao Sandro
>
>
> _______________________________________________
> Gfoss@lists.gfoss.it
> http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
> Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
> I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni
> dell'Associazione GFOSS.it.
> 796 iscritti al 28/12/2017
_______________________________________________
Gfoss@lists.gfoss.it
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni 
dell'Associazione GFOSS.it.
796 iscritti al 28/12/2017

Rispondere a